Gianluca Chiodi, Vertigine

Vertigine – Gianluca Chiodi

1.500 

Con “Risvegli_100% biodegradabile“, l’artista – in chiave teatrale e molto scenografica – vuole scuotere le nostre coscienze sbattendoci in faccia, senza troppe remore, lo scempio che l’uomo sta compiendo sull’ambiente che lo circonda, irrispettoso del suo naturale equilibrio. Gianluca Chiodi traduce il concetto in una danza tra uomini e donne quasi macabra, in un ipotetico Eden sopraffatto dalla nostra incuria, dove i quintali di plastica che quotidianamente produciamo ci tengono in ostaggio.

Il nostro Eden é oggi ed è qui, sul pianeta che abitiamo e di cui siamo responsabili, ma che non ci potrà ancora a lungo ospitare “a tutti i costi”.

Confronta
Condividi se ti è piaciuto!

Gianluca Chiodi, Vertigine
Risvegli 100% biodegradabile, 2013
fotografia su carta cotone Hahnemuhle Torchon 285, cm. 30×50

Gianluca Chiodi, Vertigine

Gianluca Chiodi, Vertigine cm30x50 fotografia 2013

L’attività di Gianluca Chiodi ha inizio negli anni ‘90 quando trentenne si avvicina alla foto- grafia lavorando per l’editoria, la pubblicità e la moda, per approdare nel 2003 al mondo dell’arte, iniziando un percorso espositivo collaborando attivamente con importanti critici, gallerie e istituzioni pubbliche nazionali ed estere, esponendo a Berlino e a Parigi.

Fin dal suo primo progetto (15 sono le serie prodotte dall’artista), al centro della sua ricerca troviamo l’uomo nella sua imperfetta perfezione e la natura vista con quell’atteggiamento tipico del pensiero filosofico Scintoista che la colloca al centro di tutto e generatrice di tutto e pertanto va rispettata, venerata e soprattutto tutelata, poiché è da essa che deriva l’equilibrio della vita.

Con “Risvegli_100% biodegradabile“, l’artista – in chiave teatrale e molto scenografica – vuole scuotere le nostre coscienze sbattendoci in faccia, senza troppe remore, lo scempio che l’uomo sta compiendo sull’ambiente che lo circonda, irrispettoso del suo naturale equilibrio. Gianluca Chiodi traduce il concetto in una danza tra uomini e donne quasi macabra, in un ipotetico Eden sopraffatto dalla nostra incuria, dove i quintali di plastica che quotidianamente produciamo ci tengono in ostaggio.

Il nostro Eden é oggi ed è qui, sul pianeta che abitiamo e di cui siamo responsabili, ma che non ci potrà ancora a lungo ospitare “a tutti i costi”.

Provenienza: Studio dell’artista, Galleria MAG Como
Pubblicazioni: Sito galleriamag.it
Tutte le opere vengono consegnate con Digigrafia che ne attesta l’autenticità, la qualità della carta e della stampa museale, dimensioni e tiratura

Se desideri un’informazione, scrivi qui sotto

Condividi se ti è piaciuto!
Dimensioni 4 × 30 × 50 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Ti potrebbe interessare…