artista internazionale


Max Papeschi nasce a Milano nel 1971

Max Papeschi

Max Papeschi

Opere:

 

FROM HIROSHIMA WITH LOVE by Max Papeschi

NAZI FUCKING MOUSE by Max Papeschi

DISNEYLAND UNDER ATTACK by Max Papeschi

Biografia

WELCOME TO NORTH KOREA by Max Papeschi

Max Papeschi arriva alla digital-art dopo l’esperienza da autore e regista in ambito teatrale, televisivo e cinematografico. Come artista figurativo il suo approccio con l’Art-World è stato d’immediato successo sia di pubblico che di critica. Il suo lavoro Politically-Scorrect, mostra una società globalizzata e consumista rivelandone i suoi orrori in maniera ironicamente realistica. Dal Topolino Nazista al Ronald McDonald Macellaio le icone cult perdono il loro effetto tranquillizzante per trasformarsi in un incubo collettivo. Ha esposto i suoi lavori in molte gallerie in giro per il mondo.

«Max Papeschi è un guitto, un implacabile e attento osservatore dei suoi tempi che non ammette la codardia di un silenzio assenso, ma indaga la sua realtà e quello che gli sta intorno, in modo critico, con un taglio profondamente ironico che è  una sorta di non dichiarata firma stilistica.

Il suo lavorare per serie ha un che di retorico nell’accezione classica del termine, che prevede tanto ed in egual maniera l’inventio, la dispositivo e l’elocutio, quanto la memoria e l’actio.

Con una costanza sorprendente e vibrante affronta argomenti scottanti, usando il richiamo mediatico come una parte integrante della sua ricerca, e come un mezzo irrinunciabile per catalizzare l’attenzione del suo pubblico sui nodi cruciali che sono alla base dello sviluppo della nostra storia degli ultimi settant’anni.

Dai suoi colorati e iconici personaggi, che mettono alla berlina, sia in ambito politico che culturale, l’ottusa e miope tendenza dittatoriale, fino alla recentissima serie dedicata ai bambini, passando per i raffinati bianco e neri che dialogano con la storia della fotografia e del reportage, vi è in Max Papeschi la volontà di non tacere, ma, piuttosto, di gridare al mondo intero quanto sia stato e sia insensato quello che avviene, quanto, talvolta, crudelmente puerile sia l’atteggiamento dell’essere umano.

Immagini forti ed ironiche che sono periodi sintattici di un discorso, di una riuscita composizione retorica, di un surreale comizio, di un plateale svelamento dei molti e reiterati vizi della nostra società.»

Igor Zanti

Leggi i Comunicati Stampa delle mostre firmati MAG su Max Papeschi

Condividi se ti è piaciuto!

Marco Nereo Rotelli è nato a Venezia nel 1955

Marco Nereo Rotelli

Marco Nereo Rotelli

Opere in vendita

Marco Nereo Rotelli miste

Galleria delle opere del Maestro Marco Nereo Rotelli disponibili dai collezionisti della MAG

Condividi se ti è piaciuto!
  • Biografia

    Laureato in architettura a Venezia nel 1982.
    Da anni persegue una ricerca sulla luce e sulla dimensione poetica che Harald Szeemann ha definito come “un ampliamento del contesto artistico”.
    Rotelli ha creato negli anni una interrelazione tra l’arte e le diverse discipline del sapere. Da qui il coinvolgimento nella sua ricerca di filosofi, musicisti, fotografi, registi, ma principalmente il suo rapporto è con la poesia che, con il tempo, è divenuta un riferimento costante per il suo lavoro.
    Nel 2000 ha fondato il gruppo Art Project, oggi diretto da Elena Lombardi e composto da giovani artisti ed architetti, con il quale realizza numerosi interventi e progetti di installazione urbana.
    Questo suo impegno gli è valso la partecipazione a sette edizioni della Biennale di Venezia, oltre a numerose mostre personali e collettive.
    È stato invitato dalla Northwestern University (Chicago) come “artist-in-residence” (inverno 2013).
    Le sue opere sono presenti in musei e importanti collezioni private di tutto il mondo.
    Di lui hanno scritto alcuni tra i più importanti critici d’arte, oltre a poeti, scrittori, filosofi e personalità della cultura internazionale, alimentando un’importante raccolta bibliografica sul suo lavoro.

    Leggi il Comunicato stampa della mostra di Como.

    Leggi il Comunicato stampa della mostra di Pienza

Condividi se ti è piaciuto!